Ciao Jordan, bentornato a Milano. Siamo felici di rivederti. E tu?
«Sono molto contento di essere tornato a Milano, rivedere i miei vecchi compagni di squadra e incontrarne di nuovi. Sono particolarmente felice di ritrovare la famiglia Mutti, per cui ho grande stima, ancor più dopo avere incontrato il padre».

Cosa pensi della squadra, dopo l’esperienza dello scorso anno?
«Nel 2012 abbiamo avuto un calendario molto duro all’inizio, e anche l’impegno in Europa. Se ci mettiamo anche la morte del nostro grande coach Joe Avezzano si può parlare come minimo di inizio difficile. Poi abbiamo messo assieme una buona serie di vittorie ma con la perdita di Anthony (Di Michele) e del sottoscritto nella partita contro i Daemons, finita in una sconfitta, le nostre speranze di playoff se ne sono andate. Per quanto mi riguarda ci ho messo un po’ ad abituarmi al football italiano ma con il passare del tempo mi sono sentito sempre più a mio agio. Tirando le somme, la scorsa stagione è stata deludente, perché il nostro obiettivo era entrare nei playoff e vincere il derby, e non siamo riusciti a fare nulla di tutto questo».

Seamen Lions 21Questa volta invece cosa ti aspetti?
«Ovviamente, di andare al Super Bowl. Ma un passo alla volta: più partite vinciamo migliori saranno le nostre possibilità, e per prima cosa bisogna intanto andare ai playoff. Dunque: obiettivo principale entrare nei playoff».

Cosa pensi della squadra? La vedi cambiata?
`Sì, c’è stato del cambiamento. Abbiamo aggiunto giocatori e ne abbiamo persi, ma vedo anche una diversa maniera di vivere lo spirito di squadra. Mi sembra che i giovani del gruppo siano più maturi, mi sembra che ci sia maggior coesione, quasi come fossimo una famiglia, e maggior fiducia nelle nostre possibilità».

E dei nuovi nello specifico cosa pensi?
«Sono quelli che faranno la differenza rispetto all'anno passato. L’attacco grazie a Ditu (Stefano Di Tunisi, ndr) sarà più continuo ed esplosivo, e la difesa con (Riccardo) Matani come linebacker, Luca (Bellora) come difensive tackle e Matteo (Pegoraro) il nuovo defensive end sarà tutta un’altra storia. I nuovi arrivati in linea d’attacco Rossini, Brandi e Bova  ci renderanno poi più forti e completi».

Hai due coach italiani, Paolo Mutti e Luca Lorandi. Cosa ne pensi?
«Paolo ha fatto un lavoro pazzesco dopo avere preso in mano la squadra lo scorso anno in una situazione davvero difficile. Ha la stima della squadra ed è nel football da sempre, come giocatore e allenatore, per cui la sua esperienza ci aiuta molto. Luca è un grande acquisto, conosce benissimo i dettagli del gioco di corsa e di blocchi e le nostre idee sul passing game sono molto simili. Riesce a comunicare con l’attacco molto meglio di quanto non faccia io, e questo per me è un grande aiuto, e non si fa mettere i piedi in testa da nessuno. La sua storia professionale ci rende davvero molto fiduciosi».

Lo scorso anno i tuoi colleghi americani erano i fratelli Di Michele, questa volta Jeff (Souder) e Shawn (Abuhoff). Un tuo giudizio?
«Penso che Jeff e Shawn siano perfetti per il nostro tipo di squadra. Jeff è un fenomeno, non si ferma mai e dà tutto per i compagni di squadra, del resto lo scorso anno è stato Mvp del campionato e questo dice tutto. Shawn è velocissimo ed è un grande cornerback, esattamente quello che ci serviva. Sono entrambi difensori ma la loro capacità di produrre giochi esplosivi in attacco è un alro motivo per cui non vedo l’ora di scendere in campo con loro».

L’attacco lo scorso anno chiude al settimo posto, quest’anno andrà meglio?
«Io dico sempre ai ragazzi che da loro non mi aspetto nulla in meno della perfezione, perché se non ragiono così nemmeno loro si aspetteranno tanto da se stessi. Ambisco alla perfezione, voglio essere il migliore, voglio che i miei ricevitori siano i migliori. Secondo me il nostro gruppo di ricevitori è il migliore di tutta la IFL, e se riusciremo a giocare bene in linea e a correre bene il nostro attacco può essere il numero uno del campionato. Io per conto mio farò di tutto per essere il miglior quarterback».

Dunque il reparto ricevitori è migliorato?
«Con Gianluca (Santagostino) a posto fisicamente e l’aggiunta di Ditu e Shawn, più i giovani della under 21, dovremmo essere inarrestabili. Il nostro gruppo di ricevitori era il migliore già lo scorso anno, quest’anno non dovrebbe esserci storia».

Quando hai prenotato il volo di ritorno negli Stati Uniti? Prima o dopo il Super Bowl?
«Dopo. Tornerò a casa dopo che avremo vinto il Super Bowl».

Ufficio stampa Seamen Milano

 

Italian Bowl XXXV

winner

Italian Bowl XXXIV

10491168 10152604465384602 8449059882791496270 n

BLOG BLUE NAVY

bluenavy

fan page facebook

football-facebook icon 236 x 236

seguici su twitter

twitter

Media Partner

rete 55

Sponsor

cisalfa logo small    syn  

IFL Sponsor

NewEraIFLWebBanners300px x 300px 

In memory of Joe

554697 3252658829829 1067784243 32612796 1241389905 n

Campioni d'Italia

10250156 1574801662757121 396395378631433714 n1472293 10202104624448932 36911704 n1479647 10202104624408931 1624620629 n1481357 10202104624368930 29225772 n1477790 10202137371307583 1699917554 n10177330 1574801659423788 7704618308376756976 n10928666 1574802042757083 1956551406 n11651163 10206172881752822 1771982557 n

IFL CHANNEL

url-1

 

PLAY FOR PIZZA

Joe Avezzano_Banner_filmato_You_Tube

Tecnical Sponsor

nhero milanoLAURETANA 0 SM SFONDO BIANCOdac Logo Human

il Canale Seamen YouTube

IFL

logoIFLbig

CONI

logo_Coni

Gianluca Logbook

ciao2

Virgin Radio on Stage

virgin stay

STORE SEAMEN

Maglia Scudetto

VIDAS e Seamen

Vidas Logo - con mission

Seamen Anthem

we are the one

Campionato IFL 2014

31

Seamen Instagram

Instagram

SEAMEN MASTERCARD

538168 10151507852724602 992895569 n

Diventa Socio

tessera

vuoi giocare?

Vestiti Seamen

store

IL PORTALE ONLINE DEL MERCHANDISING SEAMEN CLICCA REGISTRATI E VESTITI SEAMEN

Spot Seamen

Visitatori Online

 24 visitatori online

FIDAF

Logo_FIDAF_piccolo

il Flag Team

flag fin

Diventa una Cheer

logo cheer

Seamen e il sociale

PayoffDefB1-a-mengsiturunniss Running Across Borders
205397 452381148115741 2131532667 n